Pagine

mercoledì 20 settembre 2017

Catalogna, Madrid manda la Guardia Civil negli uffici del governo: 14 arresti. Proteste in strada

Catalogna, Madrid manda la Guardia Civil negli uffici del governo: 14 arresti. Proteste in strada

Tensione altissima in vista del referendum del primo ottobre per l'indipendenza, ritenuto illegale dalle istituzioni nazionali. Tra i fermati il segretario generale dell'economia della Generalitat. Il primo ministro Rajoy: "Unica risposta possibile". Il presidente Puidgemont: "Ma faremo il referendum lo stesso". La sindaca di Barcellona Colau: "Scandaloso". Sequestrate 10 milioni di tessere elettorali...

BARCELLONA - Tensione altissima tra Madrid e Barcellona con l'avvicinarsi del referendum catalano per l'indipendenza. Stamattina agenti della Guardia Civil hanno arrestato Josep Maria Jové, braccio destro del vice presidente catalano, insieme ad altre 13 persone tra funzionari ed esponenti del governo regionale, in quanto principali organizzatori del referendum non riconosciuto da Madrid e previsto per il primo di ottobre. Fra gli arrestati il direttore del dipartimento di attenzione ai cittadini del governo Jordi Graell e il presidente del Centro delle telecomunicazioni Jordi Puignero....

Giorgio Cremaschi : "Pil e lavoro, dal governo solo propaganda.."

Giorgio Cremaschi | Pil e lavoro, dal governo solo propaganda

18 settembre 2017temi.repubblica.it/micromega-online/
di Giorgio Cremaschi

Aumentano PIL e produzione industriale, cala la disoccupazione ufficiale e naturalmente il governo festeggia, anche se la stragrande maggioranza delle nuove assunzioni sono a termine e part time.

Renzi e Gentiloni vantano il loro milione di posti di lavoro e lo dicono merito del Jobs Act. A questa propaganda di regime, che non a caso usa le stesse cifre storiche di Berlusconi, si contrappongono tre semplici verità:

1) In tutto il mondo c'è una ripresa economica, molto fragile secondo tanti economisti. Negli USA il PIL è cresciuto del 3% , in GB di oltre il 2, così Germania e Francia. La crescita dell'1,4% del PIL dell'Italia è quindi una delle più basse e comunque segue un'onda generale, quindi il Jobs Act non c'entra nulla, altrimenti saremmo cresciuti più degli altri e non meno. In ogni caso dopo una lunga recessione e stagnazione questa ripresa né in Italia né nel resto del mondo è solida, anche perché non una delle cause economiche e finanziarie che hanno provocato la crisi é stata rimossa.

2) Se è vero che si é raggiunto il numero di occupati del 2008, come qualità questa occupazione è molto diversa. TUTTE le nuove assunzioni sono precarie...

blog di Beppe Grillo - Roma: così tagliamo gli sprechi delle partecipate



di Virginia Raggi:

<< È una giornata speciale per i cittadini di Roma. In campagna elettorale mi ero impegnata a ridurre gli sprechi delle aziende partecipate del Comune di Roma, che erano state utilizzate dalla politica come un bancomat, come strumenti per consolidare il consenso, per moltiplicare poltrone e clientele.
Finalmente posso dire che quel progetto diventa realtà, con il Piano di riordino e razionalizzazione delle partecipate di Roma Capitale che oggi abbiamo presentato. Ho ringraziato l’assessore Massimo Colomban per il lavoro svolto nel corso di un anno e che – ne sono certa – verrà portato avanti con lo stesso impegno dal suo successore.
Noi tagliamo sprechi e poltrone. Rendiamo più efficienti le società partecipate del Campidoglio, riducendole da 31 a 11 e producendo risparmi immediati per 90 milioni di euro. Tagliamo i rami secchi che hanno zavorrato per anni i bilanci di Roma Capitale producendo progressivamente il mostruoso debito che conosciamo.

Tutto questo ha un solo scopo: offrire servizi efficienti e di qualità ai cittadini. Solo con l’applicazione del Piano che oggi abbiamo presentato siamo in grado di produrre, da subito, benefici economici per le casse del Campidoglio per una cifra di 90 milioni di euro: 80 milioni dalle cessioni di aziende e 10 milioni di euro l’anno dai risparmi gestionali.
Ma non ci fermiamo: riorganizzare le partecipate vuol dire anche renderle più efficienti e competitive, ed è già stato avviato un lavoro mirato a migliorare i processi interni alle aziende, le loro performance industriali ed economiche. Questo lavoro passa anche attraverso il risanamento di Atac che abbiamo già annunciato, l’efficientamento di Ama, lo sviluppo di sinergie e operazioni strategiche tra tutte le partecipate.
Il fine è quello di liberare risorse che appartengono ai cittadini romani. Così noi tutti potremo avere società moderne, dinamiche e produttive, di cui andare orgogliosi>>.

Adam Garrie - Controllo del discorso dell'Assemblea Generale di Benjamin Netanyahu:"Pieno di menzogne ​​e di "fatti alternativi". Ecco la realtà".

Risultati immagini per foto di Netanyahu all'ONU










Adam Garrie  - Ricerca Globale, 20 settembre 2017


Ieri, il leader israeliano Benjamin Netanyahu ha parlato prima delle Nazioni Unite in un discorso che ha servito come una sorta di appendice alla dichiarazione controversa e bellicosa di Donald Trump , che è stata consegnata ore prima.
Entrambi i discorsi si sono concentrati in modo prevedibile sull'Iran e entrambi i leader hanno raccontato una grande quantità di infedeli e mezze verità sulla situazione. Ecco alcune delle triste verità, seguite da una spiegazione di fatto della situazione.
1. L'Iran è "nazioni devastanti". 
Il preventivo completo di Netanyahu è il seguente:...
"Be ', come sai, ero fortemente in disaccordo. Ho avvertito che quando le sanzioni sull'Iran sarebbero state rimosse, l'Iran si comporterebbe come una tigre affamata scatenata, non unirsi alla comunità delle nazioni, ma le nazioni devastanti, una dopo l'altra. Ed è proprio quello che sta facendo l'Iran oggi...

MAURIZIO BLONDET - SUICIDIO DEMOGRAFICO DELL’EUROPA. ED E’ VIETATO PIANGERLA.


Niente figli. Né Angela Merkel né Teresa May, né Macron  né Gentiloni hanno figli. E non basta: sono senza  figli anche il primo ministro svedese, olandese, irlandese, del Lussemburgo.  Senza figli Christine Lagarde, governatrice del Fondo Monetario Internazionale.  Solo lo spagnolo Mariano Rajoy e il belga Charles Michel ne hanno due ciascuno. E’ la prima volta nella storia che questo avviene, dice Charles Gave, economista e pensatore: “E chi non ha figli non ha la stessa visione del futuro di chi  ne ha. Il futuro, per  loro, si ferma alla prossima elezione o alla propria morte”.
In Germania il 30% delle donne di più di 45 anni, e il 40% di quelle con diploma universitario, non hanno  figli. E’ lo stesso quasi dappertutto nel resto d’Europa, dove il tasso di fecondità (numero di figli per donna)  delle popolazioni locali (senza tener conto degli immigrati)  è di 1,4 : sotto il tasso di sostituzione.
Gave spiega: “In Italia e Grecia,  100 nonni hanno 42 nipoti. La piramide demografica è rovesciata, poggia sulla punta invece che sulla base. E tutti sanno che se una piramide poggia sulla punta,ha la deplorevole tendenza a crollare” . E’ già possibile indicare le crepe:...

Consip, nel verbale del “complotto” la “bomba” non era su Renzi quello che ha detto davvero la Musti



Al Csm - Lo stenografico dell’audizione di Lucia Musti smonta la tesi del golpe: la pm faceva riferimento a un’altra inchiesta, quella su Cpl-Concordia e le coop rosse.


La “bomba” arrivata nelle mani della procuratrice di Modena Lucia Musti, secondo quanto le avrebbe detto il colonnello dei carabinieri Sergio De Caprio, alias Ultimo, non aveva un riferimento all’intercettazione tra il segretario del Pd Matteo Renzi e il generale della Guardia di Finanza, Michele Adinolfi. Non è la pistola fumante, come qualcuno ha paventato in questi giorni, che prova il complotto giudiziario ai danni dell’ex premier, proseguito con l’inchiesta Consip e sempre con la sponda del Fatto Quotidiano. La “bomba” era rappresentata dall’indagine condotta dal Noe dei carabinieri di Ultimo, che mettevano sotto accusa le coop rosse e il mondo vicino a Massimo D’Alema, mai indagato...

martedì 19 settembre 2017

Maurizio Blondet - Contro la pace in Siria, hanno creato le Brigate LGBT



    
Sembra essere l’ultima escogitazione dei competenti uffici di propaganda e sovversione Usa per continuare  ancora un po’ la guerra ad Assad. E non si sa se ridere o piangere. Ecco la notizia:
“Brigate internazionali di combattenti LGBT  in Siria  stanno unendo le forze con le milizie curde sostenute dall’Occidente onde ‘combattere contro l’ISIS” colpevole della persecuzione degli omosessuali”. Ovviamente   combatteranno anche contro il governo legittimo siriano, in quanto omofobo e fascista.
I media mainstream anglofoni stanno facendo sforzi sovrumani per accreditare come reale questa nuova milizia guerrigliera. Riportano che questa nuova formazione si chiama Queer Insurrection and Liberation Army(TQILA)  ed  è nata da una entità chiamata  International People’s Guerrilla Forces (IRPGF), che a sua volta è membro di un International Freedom Battalion, un gruppo di combattenti esteri che hanno attraversato il mondo per unirsi ai miliziani curdi dello YPG in Siria.  Li stanno aiutando non tanto a battere l’ISIS, quanto a creare lo stato anarco-comunista sognato dai combattenti curdi, la Rojava...

P. G. Roberts - Il discorso ONU di Trump...?.."L'inno di Trump al sovranismo: "E' la storia che ce lo chiede”

Trump all'Onu: "Più patriottismo, è la storia che ce lo chiede”
Paul Craig Roberts
Ho ascoltato questa parte del discorso dell'ONU di Trump. Sono stato così imbarazzato per lui e per il mio paese che ho dovuto disattivarlo.
Mi chiedo se chiunque scrisse il discorso deplorevole inteso a mettere in imbarazzo Trump e anche inaspettatamente imbarazzato l'America, o se gli scrittori siano così impregnati dell'arroganza neoconservatrice e del brutto momento del nostro tempo che il discettore non era semplicemente cieco per le straordinarie contraddizioni che si trovavano fuori come i pollici doloranti tutto il discorso.
Non li descriverò, solo un paio di esempi.
Trump è andato avanti a lungo su come l'America rispetta la sovranità di ogni paese e la volontà popolare di ogni paese, e come gli Stati Uniti, nonostante il suo potere militare travolgente, non cercano mai di imporre la propria volontà su alcun paese. Qual è stato il pensiero dell'amministrazione, o può pensare? Cosa c'è di Jugoslavia / Serbia, Afghanistan, Iraq, Libia, Somalia, Egitto, Siria, Yemen, Pakistan, Crimea, Ucraina, Venezuela, Honduras, Ecuador, Bolivia, Brasile, Argentina, solo per citare i paesi del XXI secolo che sono stati sottoposti agli attacchi militari statunitensi, ai governi e alle rimozioni dei leader politici che non sono conformi agli interessi statunitensi?
È il rispetto per la sovranità dei paesi a costringerli a sostenere le sanzioni USA contro l'Iran, la Russia, la Cina, la Corea del Nord e il Venezuela? È il rispetto per la sovranità dei paesi imporre sanzioni ai paesi? Se questo non impone la volontà di Washington su altri paesi, che cosa è?...

Starve them to Death: Soluzione(...farli morire per fame...") di Wall Street Journal per la Corea del Nord

Ricerca Globale, 19 settembre 2017
CounterPunch 18 settembre 2017

Gli editori del Wall Street Journal si sono stabiliti su un piano per terminare la crisi in Corea del Nord. Stringervi a morte:
Non sto scherzando. In un articolo intitolato "Opzioni per la rimozione di Kim Jong Un ", la redazione del WSJ suggerisce che gli Stati Uniti utilizzino "tutti i suoi strumenti per rovesciare il regime nordcoreano", compresi, naturalmente, le importazioni alimentari vitali che impediscono alle donne e ai bambini di affrontare un' agonizzazione morte per fame. Ecco un estratto dell'articolo:
"Il Nord è particolarmente vulnerabile alla pressione quest'anno, perché una grave siccità da aprile a giugno ha ridotto il raccolto precoce del 30%. Se anche il raccolto principale è influenzato, Pyongyang potrebbe avere bisogno di importare più cibo mentre le sanzioni restringono la sua capacità di guadagnare valuta estera ....
Mentre il regime sopravvive a una grave carestia negli anni '90, oggi le conseguenze politiche di un fallimento del raccolto sarebbero severe. ....