Pagine

sabato 24 giugno 2017

FirenzePd, “truccati i bandi per le piscine comunali”: indagati assessore allo Sport Vannucci e l’amico di Tiziano Renzi



Turbativa d'asta e falso sono le ipotesi d'accusa che hanno portato all'iscrizione nel registro degli indagati di otto persone: tra queste il responsabile comunale allo Sport Andrea Vannucci (vicino al tesoriere dem Francesco Bonifazi) e l'ex segretario del Pd di Rignano sull'Arno Franco Bonciani, amico personale del padre dell'ex premier.

L’amico di Tiziano e Matteo Renzi, l’assessore fiorentino allo Sport assai vicino al deputato dem Francesco Bonifazi, la renzianissima dirigente comunale e altre cinque persone. Tutte indagate, a vario titolo, per turbativa d’asta e falso nell’assegnazione della gestione di piscine comunali di Firenze...
continua a leggere...
http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/06/23/firenze-truccate-i-bandi-per-le-piscine-comunali-indagati-un-assessore-comunale-e-lamico-di-tiziano-renzi/3680394/

Padre fiammingo Daniel Maes che vive in Siria:"Senza Putin, la Siria avrebbe cessato di esistere".




    

di Eric van de Beek  – 20/06/2017  –
------------------------------------------
La lunga ed esaustiva intervista all’ottuagenario padre fiammingo Daniel Maes, che vive in Siria nel Monastery of Saint James the Persian (Mar Yakub in arabo) a Qara, fornisce indubbiamente molte informazioni mai trasmesse dai media mainstream, spunti di riflessione ed opportunità per capire quanto è realmente accaduto in Siria e quali siano le reali motivazioni della guerra civile, argomenti peraltro già affrontati e chiariti in molteplici newsletter precedenti, ma mai in maniera così esauriente. Claudio
Fonte: oraprosiria
Secondo il padre fiammingo Daniel Maes, che vive in Siria dal 2010, la copertura della guerra in Siria si basa su menzogne. Il Presidente Bashar al-Assad non è il problema, ma lo sono invece i nostri politici, che sostengono l’ISIS e Al Nusra, solo per rovesciare il governo siriano. “I veri capi terroristi si trovano nell’Occidente e nell’ Arabia Saudita”.
Padre Daniel Maes,79 anni, è tornato nel suo paese natale, il Belgio, per trascorrere un periodo nell’Abbazia Norbertine al villaggio fiammingo Postel. Nel 2010 ha lasciato il Belgio per la Siria, quando il Paese non era ancora in guerra. A Qara ha vissuto momenti critici, soprattutto quando il villaggio di 25.000 persone è stato invaso da un esercito ribelle di circa 60.000 uomini.
Adesso Padre Daniel Maes è in Belgio per recuperare le forze dopo essersi ammalato in Siria (‘ ho pensato: è la fine ‘) e non tollerava più la cucina locale. Ma è venuto in Belgio anche per raccontare alla gente in Occidente la “vera storia” della Siria, poiché i media mainstream non scrivono la verità.Verso metà giugno ritornerà con le valigie pieno di aiuti umanitari per la popolazione siriana bisognosa.

Intervista di Eric van de Beek :....

Consip, Marroni: “Se c’erano le condizioni per andare avanti? Chiedetelo all’azionista”



PS:Il complice del crimine della corruzione è spesso la nostra stessa indifferenza... e se non smettete di votare il pd-+l non siete vittime, ma complici...!
umberto marabese
----------------------
di  |

Al termine dell’incontro con Raffaele Cantone nella sede Anac, l’ad uscente di Consip Luigi Marroni spiega il contenuto dell’incontro, programmato da tempo, con il capo dell’Anticorruzione: “Ho portato i documenti dell’esclusione delle aziende Romeo dalla gara FM4 (quella da 2,7 mld di euro, ndr) a seguito di una serie di questioni che gli abbiamo contestato”. Ma a tenere banco resta le dimissioni del Presidente e di un consigliere Consip, con la conseguente decadenza del cda e di fatto, l’uscita di scena dello stesso Marroni da amministratore Consip. “Se c’erano le condizioni per andare avanti? Chiedete all’azionista” afferma Marroni. Cioè al Ministero del Tesoro, quindi a Padoan. Per il resto Marroni si trincera dietro alcuni “no comment”.

venerdì 23 giugno 2017

di Roba Ronzi - Quel che il Dirett. Calabresi de “La Repubblica” vuole per l’Italia...subito!


Mario Calabresi il direttore de La Reppublòica.  
-----------------------------------------------------------------------------------------------------

di Robi Ronza
A chi avesse ancora qualche dubbio sulla distanza siderale che separa le urgenze concrete del nostro Paese e quelle dell’élite borghese progressista oggi al potere, suggerisco la lettura e l’analisi di due articoli apparsi di recente su la Repubblica. Il primo è un editoriale dello stesso direttore del quotidiano, Mario Calabresi, dal titolo Sei riforme da non tradire (31.V.2017). “Approvarle prima di andare alle urne”, si spiega nel sommario, “sarebbe un atto di sensibilità oltre che segno di civiltà”.
Tenuto conto della situazione in cui siamo, uno penserebbe che il direttore de la Repubblica si stia riferendo agli irrisolti problemi cruciali che pesano sulla vita quotidiana di ognuno di noi: dalla crisi economica da cui, salvo l’Italia, tutto gli altri stanno uscendo fino al peso del debito pubblico; dall’inefficienza della macchina amministrativa dello Stato alla sua strutturale incapacità di affrontare in modo efficace qualsiasi emergenza, si tratti dell’afflusso incontrollato di immigranti irregolari o della ricostruzione delle aree dell’Italia centrale danneggiate dai terremoti del 2016....

Basta pagare il Canone Rai:RenziPd aumenta a Fazio: da 1,8 a 2,8Milioni di € all'anno...= 5.468,75€ all' ora!



PS: <<Fabio Fazio resta in Rai: compenso aumentato (2,8 milioni di euro l’anno) così come le giornate in onda.>>...32 prime serate + 32 seconde serate = 64 medie serate...ergo, 2.8 milioni 64 = 43.750 a giornata  : 8 ore = 5468,75 : 60sec = 91,1458 al secondo...e voi lo state a guardare e pagate il canone ?...siete delle teste di c.... !

umberto marabese
------------------------

Il 53enne conduttore ligure passa da Rai3 a Rai1, e conquista la prima serata domenicale e la seconda serata di lunedì. Come segnala Davide Maggio sul suo sito web, secondo le indiscrezioni la struttura del programma riprenderà la falsariga di Che tempo che fa.
Tanto rumore per nulla. Fabio Fazio rimane alla Rai, raddoppia la giornate in cui andare in onda, e quasi duplica il compenso. Le bordate ad alzo zero dei mesi scorsi contro Viale Mazzini sono servite solo ad aumentare la posta in gioco. Nulla di più nulla di meno. Intanto il 53enne conduttore ligure passa da Rai3 a Rai1, e conquista la prima serata domenicale e la seconda serata di lunedì. Come segnala Davide Maggio sul suo sito web, secondo le indiscrezioni la struttura del programma riprenderà la falsariga di Che tempo che fa e dei suoi infiniti spin off, con tanto di Luciana Littizzetto e Nino Frassica..

Maurizio blondet - MACRON: “LA FRANCIA BOMBARDERA’ LA SIRIA”. E LO STRANO GIOCO DELLA UE

MACRON: "LA FRANCIA BOMBARDERA' LA SIRIA". E LO STRANO GIOCO DELLA UE

PS: Ecco, Papa Francesco, un'altro personaggio da "scomunicare" ! Perchè? Ha detto che vuole bombardare in Siria  ma, visto che certamente si terrà lontano dall'ISISS e ...molto più lontano...dai Russi, che vuoi che bombarderà se non i civili inerti? Comincia...!
umberto marabese
-----------------------




Di punto in bianco, Emmanuel Macron  ha voluto far sapere, in una grandiosa intervista congiunta a Le Figaro, Le Temps, Le Soir, Süddeutsche Zeitung, The Guardian, Corriere della Sera, El Pais et Gazeta Wyborcza, che la Francia non esiterà a bombardare la Siria anche da sola, “se avverrà che armi chimiche siano utilizzate sul terreno”, allo scopo di “distruggere i magazzini di armi chimiche”. Anche da  sola ‘intende che la Francia  sarà perfettamente allineata agli Stati Uniti”. Ovviamente. E’ in preparazione un false flag?
Ci risiamo. Come Hollande, Macron va alla guerra in Siria?  Per preparare l’opinione pubblica, ha attivato già la dovuta propaganda. La  televisione  La Chaine Parlamentaire (LCP),  rete  in mano al potere statale, ha  diffuso un servizio dal titolo significativo: “Siria, la rivoluzione confiscata”: dove i terroristi mercenari pagati dai sauditi sono dipinti come i combattenti per la libertà, secondo la vieta finzione che non dovrebbe ingannare più nessuno....

Mosca - Il 23 giugno, il Ministero della Difesa russo ha segnalato"scioperi"(attacchi) missilistici contro l'IS (stato islamico) in Siria


Il 23 giugno, il Ministero della Difesa russo ha segnalato"scioperi" attacchi missilistici contro l'IS (stato islamico) in Siria

La dichiarazione ufficiale in russo.

I missili sono stati lanciati da fregate russe della Marina, l'Ammiraglio Essen e l'Ammiraglio Grigorovich, nonché un sottomarino, il Krasnodar, dal Mediterraneo orientale, ha dichiarato il ministero della Difesa in una dichiarazione di venerdì. Il sottomarino ha sparato i suoi missili sommersi.

Gli scioperi hanno riguardato centri di comando e controllo islamico (IS, ex ISIS / ISIL), nonché depositi di munizioni nella provincia siriana di Hama.

Lo sciopero di precisione di oggi ha colpito un grande deposito di munizioni IS vicino alla città di Aqerbat, che ha esploso dopo aver ricevuto un colpo diretto, ha dichiarato la dichiarazione del Ministero della Difesa...

Gli obiettivi rimanenti sono stati distrutti negli attacchi aerei successivi, ha detto il ministero. La Russia ha avvertito la Turchia e Israele sugli attacchi tramite hotline militari-militari....

blog di Beppe Grillo - #BancheVenete, chiuso per rapina...( seppur i "ladri" sono liberi e conosciuti! )

#BancheVenete, chiuso per rapina

di David Borrelli e Marco Valli, EFDD - M5S Europa

Le vergognosa vicenda delle banche venete si avvia verso un triste epilogo. Le autorità europee, con la connivenza del Governo italiano, hanno tirato la carretta finché si è potuto, prosciugando le tasche dei piccoli azionisti, nell'attesa che si creassero le condizioni per svendere. La morale dei burocrati europei e dei politici corrotti, infatti, è semplice: accorpare le banche e coprire chi le ha gestite in modo irresponsabile o non ha vigilato (Bankitalia e Consob), facendo pagare il conto ai risparmiatori o ai contribuenti. Stesso copione della Grecia, stessi attori, medesime vittime: i cittadini. Dentro l'attuale sistema di governance non c'è scampo e noi italiani dobbiamo accettare il destino su cui ci hanno traghettato manager incapaci e politici in malafede. Sono loro ad aver spolpato gli istituti di credito e poi firmato accordi internazionali che ci mettono il cappio al collo.
Gli istituti veneti saranno separati in una good bank e in una bad bank. La prima sarà probabilmente venduta al prezzo di 1 Euro. La seconda, pura spazzatura sotto il tappeto, sarà liquidata. Interverrà un bail-in mascherato che spezzerà le reni a tutti quelli che fino a poco tempo fa pensavano si trovasse una soluzione diversa....

Expo, "sindaco di Milano Beppe Sala" eletto nel Pd"... indagato "anche"... per turbativa dʼasta"

Expo, "sindaco di Milano Beppe Sala indagato per turbativa d'asta"

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, sarebbe indagato dalla Procura di Milano per l'ipotesi di turbativa d'asta. Ad anticipare la notizia è il Corriere della sera, secondo cui l'inchiesta riguarda un appalto per la fornitura di alberi a Expo. Sala è già indagato per falso materiale e ideologico in merito alla gara per la cosiddetta "Piastra", nel capitolato della quale era compresa la fornitura del verde.---
----------------------------------------------------------------------------------------------
Expo, nuovi guai per Sala: ora il sindaco è indagato anche per turbativa d'asta
La procura generale di Milano, indaga sulla fornitura degli alberi iniziamente legata all'appalto della Piastra e successivamente scorporata da quella gara. L'inchieta della procura generale di Milano su Expo  continua e riservare sorprese poco piacevoli per il sindaco Beppe Sala. A suo carico ora non c'è più soltanto l'accusa di falso per aver retrodatato un documento relativo al maxi appalto per la Piastra (il più importante di Expo del valore di 272 miloni). Da oggi l'ex commissario e ad di Expo è sotto inchiesta anche per turbativa d'asta....
continua a leggere...
http://milano.repubblica.it/cronaca/2017/06/23/news/expo_nuovi_guai_per_sala_ora_il_sindaco_e_indagato_anche_per_turbativa_d_astaa-168874977/?ref=RHPPLF-BH-I0-C4-P8-S1.4-T1


giovedì 22 giugno 2017

RUSSIA.Video: la pioggia torrenziale non impedisce a Putin di omaggiare i caduti nella Grande Guerra Patriottica

Video: la pioggia torrenziale non impedisce a Putin di omaggiare i caduti nella Grande Guerra Patriottica

Nelle celebrazioni di questo giovedì in ricordo delle vittime sovietiche del nazismo, la pioggia torrenziale non ha impedito la consegna dell'offerta floreale alla Tomba del Milite ignoto da parte del presidente russo Vladimir Putin.



Nonostante le fortissime precipitazioni, il protocollo è stato rispettato anche alla presenza del primo ministro Medvedev e della Presidentessa del Senato Valentina Matvienko.

L’Italia è uno strano Paese: ogni anno spedisce a Londra migliaia giovani laureati per fare i lavapiatti e mantiene i clandestini a vivere in albergo.


L’Italia è davvero uno strano Paese: ogni anno spedisce a Londra migliaia giovani laureati per fare i lavapiatti e mantiene i clandestini a vivere in albergo.

di Enrico Montermini

L’Italia è davvero uno strano Paese: ogni anno spedisce a Londra migliaia giovani laureati per fare i lavapiatti e mantiene i clandestini a vivere in albergo. E’ un Paese che lascia i propri concittadini colpiti dalla tragedia del terremoto a dormire nei container, ma ospita i profughi in centri di accoglienza come quello di Villa Camerata, che ho visitato lo scorso settembre: una villa rinascimentale immersa nel verde a due passi dal centro storico di Firenze.
A  Rapallo gli immigrati dimorano presso l’Istituto delle Orsoline, una struttura residenziale di lusso, e hanno a disposizione: spiaggia privata, campetto da calcio, palestra, wi-fi e il pocket money per affrontare le spese di tutti i giorni. Poi il Governo non trova i soldi per sistemare gli esodati, lasciati senza lavoro e senza pensione.
L’accoglienza dei clandestini costa alla collettività 4 miliardi di euro all’anno, ma queste sono solo le cifre ufficiali.... Quelle reali non le conosce nessuno, ma sono molto più alte. Il Governo provvede alle spese della Marina Militare e della Guardia di Finanza per le operazioni in mare, di cui non è dato conoscere il costo. Sappiamo però che questo stesso governo non trova le risorse per pagare la manutenzione e la benzina per le auto dei carabinieri. Si distaccano migliaia di poliziotti per le operazioni di identificazione, con costi non irrisori, mentre la Mafia spadroneggia in Sicilia e la ‘Ndrangheta nel Nord. Non si conoscono nemmeno i costi aggiuntivi affrontati dal sistema sanitario nazionale per la gestione dell’emergenza migranti: in compenso i pronto soccorso degli ospedali sono al collasso.
Non c’è più da meravigliarsi di nulla in un Paese dove i padroni sono tenuti a raccogliere gli escrementi dei loro cani, mentre gli stranieri ospiti cagano sui marciapiedi.
Enrico Montermini

M5s, Di Battista: “Boschi è bugiarda e falsa. Mi quereli pure, così in tribunale possiamo chiamare anche Ghizzoni”



Guarda ed ascolta il Video:
http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/06/22/m5s-di-battista-boschi-e-bugiarda-e-falsa-mi-quereli-pure-cosi-in-tribunale-possiamo-chiamare-anche-ghizzoni/3678412/
-----------------------------------
“Noi del M5S chiediamo una legge sul conflitto d’interessi. Quando ero ingenuo, credevo che il conflitto d’interessi riguardasse solo Berlusconi e invece coinvolge il sistema del Pd, come la Boschi. Anzi, approfitto di questa telecamera per dire che la Boschi è bugiarda“. Sono le parole pronunciate a La Gabbia Open (La7) dal deputato M5S, Alessandro Di Battista, che aggiunge: “Ha mentito al Parlamento, proprio di fronte a me quando disse che non si era mai interessata della banca di famiglia e che non c’era alcun conflitto d’interessi. E invece abbiamo ben tre prove che dimostrano che lei è falsaMi quereli, così in un tribunale possiamo chiamare Ghizzoni, l’ad di Unicredit, e lì lui dovrà dire se è vero o non è vero che la Boschi lo chiamò per chiedergli di comprarsi Banca Etruria“. Il parlamentare pentastellato si pronuncia poi sul caso Consip: “Renzi ha detto una balla totale sulla vicenda. L’aver salvato Lotti e l’aver messo fuori Marroni sono una infamia. Lotti è stato salvato dal Pd con Forza Italia, perché sono la stessa cosa. Ricordo che alle prossime elezioni, da una parte, ci sarà il M5S e dall’altra parte ci sarà Renzusconi. I cittadini sceglieranno quel che vorranno, però chi sceglie lo stesso sistema non ha più il diritto di lamentarsi, perché è una colpa. Fino a che italiani avalleranno anche episodi di corruzione e di illegalità a più livelli, fino a che accetteranno di abbassare la testa e di non ribellarsi, questo Paese non lo tira su neppure il M5S. Gli italiani” – chiosa – “hanno la loro responsabilità, perché non siamo tutti uguali. Qui c’è chi dà l’anima per questo Paese da 4 anni. Questo atteggiamento di fatalismo non va bene e non ci sono salvatori della patria, soprattutto non esistono solo politici corrotti”----------

Dalla UE-vaccini: Così viene"smontato il decretoPd..." Le multe, la patria potestà, le verifiche.."




PS: Per antipasto, leggete "le mani in pasta" del Ministro Beatrice Lorenzin:
https://umbertomarabese.blogspot.it/2017/06/maurizio-blondet-vaccini-obbligatori-lo.html

In arrivo una consistente riduzione della sanzione per gli inadempienti. Figli allontanati solo in casi eccezionali, obbligatorietà rivista ogni 2-3 anni.
umberto marabese
---------------------
ROMA
Non verrà “smontato”, il decreto vaccini del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, ma alla Commissione Sanità del Senato - dove a breve verranno presentati e poi votati gli emendamenti al provvedimento - stanno maturando significative modifiche. Novità che, anche se non toccano l’essenza del provvedimento, cioè l’obbligatorietà delle vaccinazioni, rappresentano una correzione di rotta. Si tratta di tre modifiche: una riduzione molto significativa della multa per gli inadempienti, la sostanziale eliminazione (a parte casi eccezionali) della sanzione della perdita della patria potestà, e l’introduzione di un meccanismo di verifica periodica per dire quali sono le vaccinazioni da effettuare obbligatoriamente, e quali invece possono essere evitate....

blog Beppe Grillo - Dati Istat: il governo del DucettoRenziPd... ha penalizzato i giovani

matteorenzi_istat.jpg

di MoVimento 5 Stelle
Il rapporto Istat sulla “redistribuzione del reddito in Italia” è una presa in giro con pochi precedenti. Una vera e propria marchetta nei confronti del defunto Governo Renzi. Il messaggio di fondo del documento è che l’azione del Governo nel triennio 2014-2016 ha ridotto le diseguaglianze, ma non è affatto vero. Basta comparare i dati riferiti al 2016 con quelli del 2012 per scoprire che l’azione redistributiva dello Stato si è indebolita proprio da quando Renzi è salito a Palazzo Chigi.

In effetti, se guardiamo all’indice di Gini, cioè l’indice che misura la diseguaglianza dei redditi, vediamo che esso al termine del triennio renziano è del 45,2% prima dell’intervento pubblico e del 30,1% dopo che lo Stato è intervenuto con trasferimenti monetari e imposizione fiscale. Una differenza di 15,1 punti percentuali. Nel 2012, invece, questa differenza era del 18%. Ciò significa che Renzi ha reso meno progressivo il nostro sistema fiscale e previdenziale, favorendo i redditi medio-alti più di tutti gli altri....

[Giuseppe Masala] - Banca Intesa e il salvataggio( con cappio al collo..) peloso delle banche venete

banche e rapine, chi rapina chi?

22 giugno 2017
E dunque via al salvataggio di Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Gli acquirenti pagheranno un euro, i miliardi li pagheremo noi. 

di Giuseppe Masala.

E dunque la proposta di Banca Intesa - "di quelle che non si possono rifiutare", direbbe Don Vito Corleone - per salvare Popolare di Vicenza e Veneto Banca è arrivata, ufficialmente oggi, sul tavolo del governo.

Proveranno a spiegarci che si tratta di un salvataggio sulla falsariga di quello fatto in Spagna da Santander nei confronti del moribondo Banco Popular.

Falso, le cose sono diverse.

Santander si è sì impegnato a salvare Popular pagando un euro ma si è presa tutta la banca, comprensi gli asset tossici, mentre Banca Intesa è disposta a pagare un euro per prendersi solo la parte buona (rete commerciale, titoli di stato, crediti in bonis, ecc.) delle due venete e lasciando ad una bad bank l'onere di prendersi gli asset tossici (crediti inesigibili, partecipazioni azionarie di dubbio o nullo valore, ecc.). Bad Bank che verrà finanziata - inutile dirlo - con miliardi pubblici e con i soldi degli obbligazionisti subordinati che non rivedranno nulla dei loro risparmi...